Servizio

Servizio di prevenzione e protezione aziendale

Cosa facciamo

Il Servizio di Prevenzione e Protezione “è utilizzato dal Direttore Generale” (art. 33 D.Lgs. 81/2008); opera in collaborazione con gli altri responsabili e incaricati dell’Istituto alla sicurezza, all’attuazione della prevenzione e della protezione dei lavoratori come definiti all’art.2 del D.lgs. 81/08.

Il Servizio Prevenzione e Protezione, caratterizzato da attività trasversali, è deputato al coordinamento delle attività di studio ed applicazione delle normative concernenti i programmi di prevenzione e protezione degli ambienti di lavoro, nonché l’applicazione ed eventuale messa a regime di strumenti innovativi per la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro. Effettua la valutazione dei rischi, l'elaborazione delle misure preventive e protettive e la stesura del programma di attuazione degli interventi di miglioramento, in stretta collaborazione con le altre strutture della Direzione Strategica.

I compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione sono quelli di cui all’art. 33 del D.Lgs 81/08 ed eventuali altri incarichi previsti dall’atto aziendale dell’istituto.

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione  propone al Direttore Generale di emanare normative interne in esecuzione a regolamenti specifici, procedure o altri provvedimenti riguardanti la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro.

  • Il Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi professionali provvede (art. 33 D.Lgs. 81/2008):
    all'individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all'individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell'organizzazione;
  • ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive e i sistemi di cui all'art. 28, comma 2 e i sistemi di controllo di tali misure;
  • ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali codificate ;
  • a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;
  • a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza, nonché alla riunione periodica di cui all’art. 35;
  • a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all'art. 36.

Il datore di lavoro fornisce al Servizio Prevenzione e Protezione informazioni in merito a (art. 18 D.Lgs. 81/2008):

  • la natura dei rischi;
  • l'organizzazione del lavoro, la programmazione e l'attuazione delle misure preventive e protettive;
  • la descrizione degli impianti e dei processi produttivi;
  • Informazione e controllo ditte esterne appaltatrici sui rischi lavorativi  e collabora negli adempimenti previsti all’art. 26  D.lgs.81/08 con la Struttura Operativa Tecnologia ed Investimenti;
  • Informazione delle Ditte appaltatrici di servizi sui rischi lavorativi.

 Le competenze del suddetto Servizio Prevenzione e Protezione, oltre a quelle previste dal D.Lgs. 81/2008, sono quelle riportate di seguito:

  • Collabora con il Centro Attività Formative in primis, e con i diversi Dipartimenti dell’Istituto, nel fornire le informazioni relative alla sicurezza, proporre adeguati programmi di formazione e informazione ai lavoratori e mantenere aggiornata la conoscenza generale delle problematiche esistenti nelle varie strutture e inerenti la sicurezza e la salute.
  • Collabora per fornire alle imprese appaltatrici e ai lavoratori autonomi informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività.
  • Collabora con il Settore Tecnico e Fisica Sanitaria, per quanto di competenza, nella progettazione e la realizzazione di nuove strutture e impianti.
  • Collabora con l’Ufficio Accreditamento Qualità e Gestione del rischio Clinico nell’esecuzione degli audit integrati programmati annualmente in istituto e nei programmi che prevedono la sinergia con lo stesso.
  • Collabora nei programmi di gestione della Sicurezza nei luoghi di Lavoro in ottica di area vasta
  • Collabora con la Direzione Centrale Salute, integrazione socio sanitaria, politiche sociali e famiglia, nei programmi regionali per la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro e di Accreditamento Istituzionale, fornendo personale qualificato negli audit previsti dal programma di controllo regionale.

  Al S.P.P. sono attribuite le seguenti competenze:

  • valutazione dei rischi, individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità negli ambienti di lavoro ed assistenza per l’applicazione del Regolamento della Sicurezza;
  • rilevamento ed aggiornamento della mappa dei rischi, dei piani di sicurezza e protezione, collaborazione con il Medico competente nella stesura del documento di valutazione dei rischi ed ottemperanza a quanto disposto dagli artt. 28-29-30-31-32-33 del D.Lgs. 81/2008;
  • collaborazione con il Settore Tecnico nella fase di progettazione, per la verifica dell’adeguamento alla normativa vigente degli ambienti di lavoro;
  • responsabilità nella gestione del Sistema di Gestione della Sicurezza e nella redazione della documentazione di riferimento;
  • individuazione e proposizione dei corsi di formazione ed informazione dei lavoratori in ambito di prevenzione e protezione dai rischi professionali, in accordo con quanto validato all’interno della riunione periodica.

 L'Ufficio Sorveglianza Sanitaria svolge la sua attività all’interno del servizio di Prevenzione e Protezione: supporta l’attività del medico competente e del medico autorizzato nelle visite preventive e periodiche, programma ed esegue interventi di immunoprofilassi vaccinale (antiepatite B, antitubercolare, antitetanica, antinfluenzale), supporta l’attività del medico competente nella registrazione, valutazione e follow up degli infortuni, garantisce  l’aggiornamento dei registri degli esposti ai rischi lavorativi, collabora con il responsabile SPP nella gestione dei rischi stessi 

torna su
ultima modifica: 3 gennaio 2018 Commenti / Suggerimenti