Struttura Semplice

SOSD Oncologia Integrata per Adolescenti e Giovani Adulti e...

Cosa facciamo

maestrello

I tumori dell'età pediatrica e dell'adolescenza, pur non rappresentando una entità numerica rilevante, presentano un impatto socialmente significativo, sia per la peculiarità del paziente, sia per la complessità dei trattamenti somministrati. Considerando in questa fascia d'età un tasso di incidenza di 130-140 nuovi casi/anno/ per 1.000.000 di soggetti,  ci possiamo attendere ogni anno in Italia 1450 nuovi casi di neoplasie maligne dell'età pediatrica (0-14 anni) ed altri 600 in adolescenza (15-19 anni). La maggior parte è costituita da leucemie (30%), seguita dai tumori del sistema nervoso centrale (20%), dai sarcomi (11%), dai linfomi (11%), dal neuroblastoma (8%), dal tumore di Wilms (8%) e da altri tipi istologici (12%).

torna su
dotazione tecnologica

La SOSI di Radioterapia Pediatrica si colloca all’interno del Dipartimento di Terapia Radiante e Metabolica che segue circa 2100 nuovi pazienti/anno (adulti). Il reparto è fornito delle più moderne tecnologie per la pianificazione e l’erogazione del trattamento radiante: n° 2 TC simulatori, n°4 Acceleratori Lineari (di cui 2 per IMRT), n°1 apparecchio per brachiterapia, n°1 Sezione degenze protette per la radioterapia metabolica, n° 2 apparecchiature per radioterapia metabolica, n° 1 Tomoterapia, n° 5 Stazioni con funzioni di counturing e di matching delle immagini, n° 1 modulo Anatom-e per una migliore definizione dei distretti anatomici.

torna su
percorso tomo

Dal 1995 è attiva presso il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano all’interno del Reparto di Oncologia Radioterapica una unità dedicata alla radioterapia pediatrica nella quale vengono trattati pazienti di età compresa dai 0-24 anni. La SOSI di Radioterapia Pediatrica è l’unica sede in regione in cui viene effettuata la radioterapia sui bambini. Ad oggi (Sett 2015) sono stati reclutati in totale 758 pazienti, la quasi totalità trattati con tecniche conformazionali. Il 63% circa dei pazienti proviene da fuori regione. Vengono trattati indicativamente 30 pazienti di età pediatrica o adolescenziale all’anno.

torna su
figure mascarin head to feet

Dal 2005 sono disponibili tecnologie avanzate di erogazione del trattamento radiante quali IMRT (radioterapia ad intensità modulata) e Tomoterapia con le quali sono stati trattati rispettivamente 77 e 174 pazienti. Ad oggi, tale casistica di pazienti è la principale in Italia ed una delle più ampie a livello internazionale.

torna su
figure 2

Tutti i pazienti vengono seguiti anche oltre l’età pediatrica per lo studio degli effetti collaterali tardivi dovuti al trattamento.

Per quanto riguarda la Tomoterapia, metodica di più recente acquisizione presso il reparto e che permette trattamenti altamente conformazionali indispensabili in età pediatrica per il contenimento dei possibili effetti collaterali legati al trattamento radiante, l’età mediana al trattamento è di 13,5 anni (range 1-24 anni). I pazienti più piccoli sono trattati in sedazione giornaliera con supporto anestesiologico (circa il 20% dei casi).

La principale sede di trattamento è il sistema nervoso centrale (SNC) (48% dei pazienti, di cui circa il 40% sottoposti a trattamento craniospinale), seguita da: linfonodi cervico-mediastinici (18%), distretti testa-collo (11%) e toracico (11%), addome (6%), arti (5%), pelvi (3%).

Le istologie sono così suddivise: tumori del SNC (46%), sarcomi (22%), linfomi (18%), neuroblastoma (4%), tumori della sfera ORL (4%), neuroblastoma (3%), leucemia (1%), altro (2%).

torna su
intervento

La peculiarità del bambino durante lo sviluppo lo rende particolarmente suscettibile a tutti quegli agenti esterni che possono interferire negativamente con la crescita. Essendo il bambino un essere in continuo sviluppo, in radioterapia pediatrica ci si trova frequentemente di fronte al problema di erogare una dose  curativa, ma anche potenzialmente dannosa ad un organismo in fase di crescita. Data l’ampia casistica sono stati sviluppati diversi progetti di ricerca, in particolare relativamente alla predizione e alle possibili misure di riduzione della tossicità cronica legata all’erogazione della radioterapia in età pediatrica e al rischio di sviluppare secondi tumori:

-Analisi nei pazienti con linfoma di Hodgkin della stima dei secondi tumori organo-specifici dopo radioterapia. Questo al fine di migliorare l’applicazione delle nuove tecniche di radioterapia come la Tomoterapia-IMRT e di validare modelli matematici di stima del rischio.  

-Analisi e monitoraggio del possibile danno neurointellettivo nei pazienti sottoposti ad irradiazione encefalica. Sviluppo di un modello matematico predittivo del rischio di danno in funzione della dose RT/sede RT/età al momento della RT.

torna su
veronica

A tutti i pazienti e alle loro famiglie viene offerto supporto psicologico, sociale ed educativo scolastico in base all’età e alle esigenze. I bambini in trattamento vengono gestiti preferenzialmente in regime ambulatoriale o Day-Hospital, per ridurre al minimo l’ospedalizzazione. Nei pressi del Centro di Riferimento Oncologico è disponibile la Casa Via di Natale che fornisce alloggio gratuito, durante il periodo di  trattamento, al bambino e ad un familiare.

Grazie alla collaborazione con il Reparto di Anestesia è possibile eseguire nei bambini più piccoli il trattamento radiante in sedazione. Sono infatti ben note le possibili conseguenze negative che possono derivare da una cattiva immobilizzazione durante il trattamento radiante.

torna su

Il responsabile della Radioterapia Pediatrica è:

-membro del Gruppo di Lavoro di AIEOP (Associazione Italiano di Emato-Oncologia Pediatrica) “Radioterapia Pediatrica”;

-membro del Gruppo di Lavoro di AIEOP sui Tumori del SNC;

-coordinatore nazionale del Gruppo di Lavoro di AIEOP su Linfoma di Hodgkin;

-coordinatore nazionale del nuovo protocollo internazionale per i linfomi di Hodgkin dell’età pediatrica e dell’adolescenza (EuroNet-PHL-C2);

-membro del Board internazionale per il protocollo Euronet-PHL-C2.

Dal 2008 la SOSI di Radioterapia Pediatrica è riconosciuta come centro AIEOP (Associazione Italiano di Emato-Oncologia Pediatrica) con specificità per la Radioterapia Pediatrica e l’Oncologia dell’Adolescenza.

Considerata la peculiare specializzazione della Radioterapia Pediatrica nel trattamento radiante di pazienti pediatrici, ad essa vengono riferiti per la radioterapia la quasi totalità dei casi pediatrici del FVG che necessitano di tale trattamento nel loro percorso di cura.

Vista la disponibilità di tecniche altamente conformazionali non altrove disponibili, vengono riferiti all’unità anche numerosi pazienti extra regione.

Con le stesse strutture sanitaria si mantengono, durante il trattamento e il successivo follow-up, rapporti continuativi per la gestione integrata dei pazienti.

torna su
ultima modifica: 4 gennaio 2018 Commenti / Suggerimenti