Informativa codice privacy (art. 13 D.Lgs. 196/2003)

Fin dall’ applicazione della prima legge sulla Privacy (L. 675/96), il Centro di Riferimento Oncologico aveva avvertito una forte responsabilità e impegno per adeguare le proprie strutture e l’organizzazione delle attività istituzionali alla normativa sulla tutela del diritto alla riservatezza dei propri utenti, dipendenti, collaboratori e fornitori.

Con l’entrata in vigore del D.Lgs 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e tenuto conto, in particolare, delle disposizioni riguardanti la tutela del diritto alla riservatezza dei pazienti, l’Istituto, consapevole che nella specifica realtà in cui opera è quotidianamente trattata una pluralità di dati sensibili, compresi quelli potenzialmente idonei a rivelare lo stato di salute dei cittadini - pazienti, ha intensificato il proprio impegno non solo per evitare, attraverso adeguate misure di sicurezza, il pericolo di perdita di tali dati, ma anche per evitare che un loro uso scorretto possa ledere i diritti delle persone interessate.

L’Istituto si pone l’obiettivo di migliorare costantemente il rapporto con i propri pazienti fin dalla fase dell’accoglimento, con la convinzione che ad un adeguato rispetto del diritto alla riservatezza dei nostri ospiti si può pervenire, non solo attuando - attraverso misure di tipo organizzativo e logistico - gli adempimenti formali previsti dalla normativa, ma anche e soprattutto attraverso la formazione continua dei propri dipendenti, finalizzata a far maturare e crescere una adeguata cultura della privacy.

Cliccando qui sotto è possibile prendere visione dell’ Informativa sul trattamento dei dati personali, rivolta agli utenti, e del modulo aggiornato per la manifestazione del consenso al trattamento dei dati personali, anche con l’utilizzo degli strumenti informatici.

Si ricorda inoltre che, una volta espresso il consenso al trattamento dei propri dati personali,  è prevista dalla normativa la possibilità di non rendere visibili, sul DSE (Dossier sanitario elettronico) e/o sul FSE (Fascicolo sanitario elettronico), i dati relativi ai singoli episodi di cura (ad es: un ricovero, una prestazione specialistica).
Questa opportunità, prevista come ulteriore tutela della riservatezza, si definisce “diritto all’oscuramento”. Per esercitare il diritto all’oscuramento l’utente si può rivolgere alla struttura sanitaria erogante la prestazione, anche successivamente all’erogazione della prestazione stessa, sottoscrivendo il modulo specifico. L’oscuramento dell’evento clinico, revocabile nel tempo, avviene con modalità tecniche tali da garantire che i soggetti abilitati alla consultazione sia del DSE che del FSE non possano né visualizzare l’evento oscurato né venire automaticamente, neppure temporaneamente, a conoscenza del fatto che l’interessato ha effettuato tale scelta. Tale circostanza viene definita “oscuramento dell’oscuramento”. L’opzione dell’oscuramento può essere richiesta tramite il modulo allegato (modello richiesta di Oscuramento dati). I dati oscurati possono essere “deoscurati”, ovvero resi nuovamente visibili, compilando il (modello richiesta di deoscuramento dati). Una volta compilato il modulo dovrà essere consegnato alla Direzione Sanitaria, che provvederà tempestivamente all'evasione della richiesta dell’utente.

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico e la Direzione Sanitaria sono disponibili per ulteriori chiarimenti (tel. 0434/659469-659826-659326)

torna su
ultima modifica: 26 ottobre 2015 Commenti / Suggerimenti